©2019 by Testimoni di Geova Consapevoli.

COSA DICE LA BIBBIA?

Poiché i Testimoni di Geova sostengono di "seguire le orme di Cristo" definendosi cristiani, è naturale chiedersi: secondo Gesù, come bisogna trattare i peccatori?

Lo spirito del Cristianesimo si concilia con la pratica della disassociazione?

Quali altri versetti contrastano direttamente con l’attuale applicazione della disassociazione?


Ger. 7:31 Hanno costruito gli alti luoghi di Tòfet, che è nella Valle del Figlio di Innòm, per bruciare nel fuoco i loro figli e le loro figlie, cosa che io non avevo comandato e che non mi era mai nemmeno venuta in mente’. (Mi torna alla mente il video mostrato al congresso del 2016 in cui una mamma non risponde al telefono a sua figlia disassociata. Al tempo stesso penso al collegamento che la stessa Società ammette tra isolamento sociale e malattia e morte. Poiché l'ostracismo è detto omicidio sociale, trattare un figlio in quel modo non equivale a "bruciarlo vivo"? Come può essere questo in armonia con quanto espresso da Dio in Geremia 7:31?)


Giobbe 1:6-8 Arrivò il giorno in cui i figli del vero Dio si presentarono al cospetto di Geova, e con loro entrò anche Satana. 7 Geova gli chiese: “Da dove vieni?” Satana rispose a Geova: “Dal vagare e dal camminare per la terra”.  8 Allora Geova disse a Satana: “Hai notato il mio servitore Giobbe? Non c’è nessuno come lui sulla terra. È un uomo integro e giusto, che teme Dio e si tiene lontano dal male (Satana, non un peccatore ualunque ma il più Grande Apostata, aveva accesso alle adunanze celesti e partecipava con il commento, conferendo davanti a Dio e a tutti gli angeli)

Giobbe 2:1 Poi arrivò il giorno in cui i figli del vero Dio si presentarono al cospetto di Geova, e con loro entrò anche Satana per presentarsi al cospetto di Geova.


Matteo 5:43-47 Avete sentito che fu detto: ‘Devi amare il tuo prossimo e odiare il tuo nemico’.  44 Ma io vi dico: continuate ad amare i vostri nemici e a pregare per quelli che vi perseguitano,  45 per dimostrarvi figli del Padre vostro che è nei cieli, perché egli fa sorgere il suo sole sui malvagi e sui buoni, e fa piovere sui giusti e sugli ingiusti.  46 Infatti, se amate quelli che vi amano, che ricompensa ne avete? Non fanno la stessa cosa anche gli esattori di tasse?  47 E se salutate solo i vostri fratelli, che cosa fate di straordinario? Non fanno la stessa cosa anche le persone delle nazioni?


Matteo 12:11,12 Gesù rispose loro: “Chi di voi, se ha una pecora e questa cade in una fossa di Sabato, non l’afferra e non la tira fuori?  12 Un uomo vale senz’altro molto più di una pecora! Perciò è lecito fare una cosa buona di Sabato” (come si concilia questo con lo spirito della disassociazione con cui si lascia la pecora a se stessa?)


Luca 15:4-7 Quale uomo fra voi, se ha 100 pecore e ne smarrisce una, non lascia le 99 nel deserto per andare a cercare la smarrita finché non la trova?  5 E, quando la trova, se la mette sulle spalle pieno di gioia.  6 Poi, arrivato a casa, chiama gli amici e i vicini e dice loro: ‘Rallegratevi con me, perché ho ritrovato la mia pecora, quella che si era smarrita!’  7 Vi dico che allo stesso modo ci sarà più gioia in cielo per un peccatore pentito che per 99 giusti che non hanno bisogno di pentirsi. (no comment)



Luca 6:27-37 Ma a voi che ascoltate, dico: continuate ad amare i vostri nemici, a fare il bene a quelli che vi odiano,  28 a benedire quelli che vi maledicono, a pregare per quelli che vi insultano.  29 A chi ti colpisce sulla guancia, porgi anche l’altra; e a chi ti toglie il mantello, non impedire di prendere anche la tunica.  30 Da’ a chiunque ti chiede, e a chi prende le tue cose non chiederle indietro. 31 “Inoltre, come volete che gli uomini facciano a voi, così fate a loro. 32 “Se amate quelli che vi amano, che lode vi meritate? Anche i peccatori amano quelli che li amano.  33 E se fate del bene a quelli che vi fanno del bene, che lode vi meritate? Anche i peccatori fanno lo stesso.  34 E se prestate a coloro da cui vi aspettate di riavere indietro qualcosa, che lode vi meritate? Anche i peccatori prestano ai peccatori per riavere indietro altrettanto.  35 Al contrario, continuate ad amare i vostri nemici, a fare il bene e a prestare senza sperare nulla in cambio; allora la vostra ricompensa sarà grande, e sarete figli dell’Altissimo, perché egli è buono con gli ingrati e i malvagi.  36 Continuate a essere misericordiosi, come il Padre vostro è misericordioso. 37 Inoltre smettete di giudicare, e non sarete giudicati affatto; smettete di condannare, e non sarete condannati affatto. Continuate a perdonare, e sarete perdonati.

Matteo 9:10 Mentre Gesù sedeva a mensa in casa, sopraggiunsero molti pubblicani e peccatori e si misero a tavola con lui e con i discepoli. 11 Vedendo ciò, i farisei dicevano ai suoi discepoli: «Perché il vostro maestro mangia insieme ai pubblicani e ai peccatori?». 12 Gesù li udì e disse: «Non sono i sani che hanno bisogno del medico, ma i malati. 13 Andate dunque e imparate che cosa significhi: Misericordia io voglio e non sacrificio. Infatti non sono venuto a chiamare i giusti, ma i peccatori».

In Matteo 4 Gesù stesso parla con Satana.

Come trattare i casi di peccati? Gesù diede delle istruzioni precise:

Matteo 18:15-17 Inoltre, se tuo fratello commette un peccato, va’ e metti a nudo la sua colpa fra te e lui solo. Se ti ascolta, hai guadagnato tuo fratello.  16 Ma se non ti ascolta, prendi con te uno o due altri, così che ogni questione sia stabilita sulla base della dichiarazione di due o tre testimoni.  17 Se non li ascolta, parla alla congregazione. Se non ascolta neanche la congregazione, consideralo proprio come un uomo delle nazioni e come un esattore di tasse


Come trattare dunque il peccatore impenitente? Come un esattore di tasse. Dobbiamo ricordarlo che Gesù mangiò con gli esattori di tasse? Gesù non tolse mai loro il saluto, né diede istruzioni ad altro di farlo. Non negò mai l'amore, il calore e l'accoglienza. Non isolò mai nessuno, neppure Giuda Iscariota, benché sapesse in anticipo quello che stava per fare e benché lo definisse "figlio della distruzione".